I PIANETI DEL SISTEMA SOLARE

Informazioni sul Sole, sui pianeti del Sistema  Solare e le stelle. I pianeti e l'Universo

L'Universo, le stelle e gli astri.
Pianeti del nostro Sistema Solare, il Sole e le stelle, gli astri e la composizione degli astri, satelliti e il nostro pianeta Terra.

SOLE E PIANETI

Pianeti e Sole nel sistema solare PIANETI e Sole si sono formati insieme.
Gas e polvere di una nebulosa si sono addensati in masse più o meno grandi finché alcune hanno attirato le altre che sono loro cadute addosso in gran numero: gli astri in cui successivamente non è avvenuta rifusione totale o erosione superficiale mantengono ancora i segni dell'ultimo bombardamento che li ha formati e così è per la il nostro satellite, Luna, il pianeta Mercurio e molti satelliti dei pianeti maggiori.

Successivamente nell'astro, che spesso si è mantenuto caldo all'interno per più di un miliardo di anni dopo la sua formazione, i materiali più pesanti si sono smiscelati da quelli leggeri e sono caduti verso il centro dell'astro mentre i piu leggeri sono venuti in superficie.

Questo fenomeno si chiama "catastrofe del ferro", perché piu spesso, nei pianeti piccoli, è il ferro l'elemento che è stato interessato alla discesa nel nucleo.

Finché il movimento ha avuto corso, il pianeta è rimasto ben caldo, poi la temperatura è scesa ai valori attuali che dipendono essenzialmente dall'equilibrio tra il calore ricevuto dal Sole e quello irraggiato nell'universo durante la notte.
Il nostro sistema solare è costituito da nove pianeti e da altri corpi più piccoli, che sono i satelliti.
I nove pianeti del sistema solare in ordina dalla distanza dal Sole sono: il pianeta Mercurio; il pianeta Venere; il pianeta Terra; il pianeta Marte; il pianeta Giove; il pianeta Saturno; il pianeta Urano; il pianeta Nettuno; il pianeta Plutone.

I pianeti hanno composizioni diverse: alcuni pianeti sono sono di consistenza gassosa (di solito sono i pianeti più grandi come il pianeta Giove); questi pianeti gassosi sono detti anche pianeti giganti e sono composti da un nucleo solido e non hanno supurficie. Oppure i pianeti, come il pianeta Terra, sono pianeti di consistenza rocciosa.

Tutti i pianeti del nostro sistema solare, inclusi i satelliti che sono sempre di consistenza rocciosa, sono caratterizzati da due tipi di moti: il moto di rotazione, che è il moto in cui i pianeti girano su se stessi, sul loro asse; il moto di rivoluzione, che è il moto in cui i pianeti girano attorno al Sole.
I pianeti eseguono questi due moti nello stesso momento.
Alcuni pianeti possiedono dei satelliti più piccoli che a loro volta ruotano ai loro rispettivi pianeti, come la Luna ruota attorno al pianeta Terra.

Più i pianeti sono grandi e più i pianeti tendono ad essere schiacciati ai poli; questo perchè più i pianeti sono grandi, più i pianeti rotano velocemente su se stessi e più i pianeti sono soggetti alla forza centrifuga, che tende a deformare gli stessi pianeti verso l'esterno.
Altra cosa che caratterizza alcuni pianeti sono gli anelli.

La tabella, qui sotto, contiene i dati più importanti che riguardano il Sole e i pianeti.


Distanza e moti dei pianeti

La distanza media dei pianeti dal Sole, non si scosta molto dalla massima e minima che i pianeti raggiungono nella loro orbita ellittica nei due punti estremi, il perielio quello piu vicino e l'afelio quello piu lontano. Come dimensioni, nella seconda colonna è fornito il diametro equatoriale che, nei pianeti in rapida rotazione è maggiore di quello polare.

I periodi di rivoluzione e rotazione dei pianeti sono i "siderali" che corrispondono al riallineamento dell'astro con una stella. Per inclinazione dell'asse si intende quella della rotazione sul piano dell'orbita. La velocità di fuga è quella che si dovrebbe imprimere a un'astronave per farla decollare dalla superficie dell'astro e portarla fuori della sua attrazione senza che vi possa piu ricadere.

Sole e pianeti: dati numerici

Pianeti e Sole Distanza media dei pianeti dal Sole x
1000
km
Diametro equatoriale dei pianeti
in km
Periodo di rivoluzione dei pianeti Periodo di rotazione
dei pianeti
Inclinazione dell'asse
dei pianeti
Massa
dei pianeti
(Terra=1)
Velocità media orbitale dei pianeti in km/s Velocità di fuga dei pianeti in km/s Temperatura media alla superficie dei pianeti
SOLE
Pianeta MERCURIO

Pianeta VENERE
Pianeta TERRA
Pianeta MARTE
Pianeta GIOVE
Pianeta SATURNO
Pianeta URANO
Pianeta NETTUNO
Pianeta PLUTONE
-
57.850
108.145
149.500
227.900
778.260
1.427.000
2.869.600
4.496.600
5.900.000
1.392.000
4.878
12.104
12.756
6.792
141.700
120.000
50.800
48.600
2.750
-
87,97 g
224,7 g
365,26 g
686,98 g
4.332,59 g
10.759,22 g
30,685,4 g
60.195 g
90.475 g
25g 1h 12m
58g 15h 36m
243 g
23h 56m 4s
24h 37m 23s
9h 50m 30s
10h 14m
15h 36m (?)
16h 48m (?)
6g 9h 17m
-

177° 118'
23° 27'
25° 11'
3°7'
26°44'
97° 52'
29° 34'
118°
333.003
0,055
0,815
1
0,108
317,943
95,195
14,605
17,232
0,8 (?)
-
47,9
34,9
29,8
24,1
13
9,6
6,8
5,4
4,7
617,7
4,25
10,35
11,18
5,02
59,64
35,40
21,40
23,51
6 (?)
5.500°C
520°C
460°C
22°C
-23°C
-123°C
-180°C
-218°C
-231°C
-231°C
Il pianeta più grande tra i pianeti È tra i pianeti ad avere gli anelli più evidenti Il pianeta rosso Il più bello tra i pianeti Il più piccolo tra i pianeti Il più luminoso tra i pianeti La stella dei pianeti del sistema solare Il più lontano tra i pianeti Il pianeta blu

Info sui pianeti e sulle composizioni del Sistema Solare e di ogni pianeta

IL PIANETA MERCURIO

Il più vicino al Sole tra i pianeti del sistema solareIl pianeta Mercurio ha un diametro equatoriale di 4.878 km.
Il pianeta Mercurio è il pianeta più vicino al Sole tra i pianeti del sistema solare e, benchè assai splendente, è difficile da osservare perchè il suo moto è rapidissimo.
Inoltre proprio a causa della sua vicinanza al Sole, il pianeta Mercurio è sempre immerso nei chiarori del crepuscolo e nelle foschie dell'orizzonte. Il pianeta Mercurio non ha satelliti.
Scarica le informazioni sul pianeta Mercurio in pdf.

IL PIANETA VENERE

Il più luminoso tra i pianeti del sistema solareIl pianeta Venere ha un diametro equatoriale di 12.104 km.
Il pianeta Venere è il più bello tra i pianeti del sistema solare a parte il nostro pianeta Terra.
Il pianeta Venere è coperto da molti strati di nubi e vicino al Sole e ne riflette efficacemente la luce, così da apparire, in assoluto, come l'astro più luminoso del firmamento e come il pianeta più luminoso tra i pianeti del sistema solare, più splendente di ogni stella, e talvolta, visibile anche di giorno.
Il pianeta Venere non ha satelliti.
Scarica le informazioni sul pianeta Venere in pdf.

IL PIANETA TERRA

Il più bello tra i pianeti del sistema solareIl pianeta Terra ha un diametro equatoriale di 12.756,280 km.
Il pianeta Terra, come mostrano le immagini riprese dallo spazio, è il pianeta più bello tra i pianeti del Sistema Solare, grazie ai suoi colori vivaci e contrastanti.
Il pianeta Terra ha un satellite: la Luna.
Scarica le informazioni sul pianeta Terra in pdf.


Blog per l'utilizzo di Ubuntu pubblicizzato da Pianeti.infoBlog informativoBenessere e salute con i prodotti naturali Gnld biodegradabili per l'ambiente e il pianetaI funghi e la micologia, un mondo del nostro pianeta terraGli animali, una bellezza del nostro pianeta terraCarene per motoSuzuki Gsxr, moto di altri pianetiTerme benessere e salute nelle terme del nostro pianetaRiflessologia plantare amica dei pianetiLe Onoranze Funebri San Gaudenzo di Rimini è un'agenzia di un altro pianetaOnoranze Funebri San Gaudenzo

IL PIANETA MARTE

Il più vivibile tra i pianeti del sistema solare, a parte il pianeta TerraIl pianeta Marte ha un diametro equatoriale di 6.792 km.
Il pianeta Marte splende in cielo con luce rossastra.
Per due mesi ogno due anni, il pianeta Marte risulta tra i pianeti più luminosi del sistema solare, eguagliando in luminosità il pianeta Giove.
È solo in queste occasioni che il pianeta Marte può essere osservato anche con i piccoli strumenti.
Il pianeta Marte ha due piccolissimi satelliti: Deimos e Phobos.
Scarica le informazioni sul pianeta Marte in pdf.

IL PIANETA GIOVE

Il più grande tra i pianeti del sistema solareIl pianeta Giove ha un diametro equatoriale di 141.700 km.
Il pianeta Giove è sempre più splendente di ogni stella (solo il pianeta Venere lo supera) e splende con luce di colore bianco-avorio.
Sia il pianeta Giove, sia quattro dei suoi sedici satelliti, quelli scoperti da Galileo Galilei nel 1610, nonchè le fascie di nubi tutte parallele all'equatore, sono visibili anche con piccoli telescopi.
Il pianeta Giove possiede sedici satelliti: Adrastea, Amalthea, Ananke, Callisto, Carme, Elara, Europa, Ganimede, Himalia, Io, Leda, Lysithea, Metis, Pasiphae, Sinope e Thebe.
Scarica le informazioni sul pianeta Giove in pdf.

IL PIANETA SATURNO

Tra i pianeti del sistema solare ha gli anelli più visibiliIl pianeta Saturno ha un diametro equatoriale di 120.000 km.
Luminoso come le stelle più splendenti, il pianeta Saturno è visibile, con le elissi dei suoi anelli, anche con piccoli telescopi.
Gli anelli del pianeta Saturno, ogni sette anni circa, si presentano alternativamente, obliqui e di taglio.
Il pianeta Saturno ha diciotto satelliti: Atlas, Calipso, Dione, Enceladus, Epimetheus, Helene, Hyperion, Iapetus, Janus, Mimas, Pan, Pandora, Phoebe, Prometeus, Rhea, Telesto, Tethys e Titano.
Scarica le informazioni sul pianeta Saturno in pdf.

IL PIANETA URANO

Il primo scoperto tra i pianeti del sistema solare invisibili ad occhio nudoIl pianeta Urano ha un diametro equatoriale di 50.800 km.
Il pianeta Urano è quasi visibile a occhio nudo e lo si osserva bene con un binocolo.
Il pianeta Urano possiede quindici satelliti: Ariel, Belinda, Bianca, Cordelia, Cressida, Desdemona, Giulietta, Miranda, Oberon, Ofelia, Portia, Puck, Rosalind, Titania e Umbriel.
Scarica le informazioni sul pianeta Urano in pdf.

IL PIANETA NETTUNO

Scoperto per l'influenza su altri pianeti del sistema solareIl pianeta Nettuno ha un diametro equatoriale di 48.600 km.
Il pianeta Nettuno è invisibile a occhio nudo, ma percettibile con un binocolo e con l'aiuto di una carta celeste dettagliata.
Il pianeta Nettuno ha otto satelliti: Triton, Nereid, Despida, Galatea, Larissa, Naiad, Proteus e Thalassa.
Scarica le informazioni sul pianeta Nettuno in pdf.

IL PIANETA PLUTONE

Il più lontano tra i pianeti del sistema solare dal SoleIl pianeta Plutone ha un diametro equatoriale di 2.350 (?) km.
Il pianeta Plutone č il pių lontano tra i pianeti del sistema solare.
Il pianeta Plutone è visibile solo con potenti telescopi, perchè splende circa quattromila volte meno di una stella appena visibile a occhio nudo, il pianeta Plutone è accompagnato da un unico satellite poco minore come diametro: Caronte.
Scarica le informazioni sul pianeta Plutone in pdf.

LE STELLE

Stelle,nebulose gassose, la nascita delle stelleLe stelle si formano nell'Universo, nelle Galassie a causa di un processo particolare delle nebulose gassose. Continue esplosioni e onde d'urto delle nebulose gassose nelle Galassie sono in grado di formare continuamente stelle.
Scarica le informazioni sulle stelle in pdf.

LE ASTEROIDI

Le asteroidi, piccoli corpi celesti nel nostro sistema solare e nell'UniversoLe asteroidi sono piccoli corpi celesti, tutti invisibili a occhio nudo, ma osservabili con piccoli telescopi.
Le asteroidi formano una loro orbita tra il pianeta Giove e il pianeta Marte. L'asteroide più grande è l'asteroide Cerere, che ha un diametro di quasi 700 km.
Le asteroidi di dimensioni inferiori al centinaio di km sono di forma irregolare e talvolta allungati a sigaro.
Scarica le informazioni sule asteroidi in pdf.

LE ECLISSI DI SOLE E DI LUNA

Le eclissi di Sole e le eclissi di LunaLe eclissi di Sole e le eclissi di Luna sono due eventi nel nostro sistema solare che possiamo osservarle liberamente ogni volta che accadono.
Si ha una eclissi di Sole quando la Luna passa tra il pianeta Terra e il Sole.
L'eclissi è totale quando il disco della Luna nasconde interamente il Sole. Questo accade solo quando la distanza tra il pianeta Terra e la Luna è meno di 375.000 km.
Le eclissi di Luna avvengono quando la Luna passa nell'ombra del pianeta Terra: possono essere eclissi totali, eclissi parziali o anche eclissi di sola penombra.
Scarica le informazioni sulle eclissi di Luna e le Eclissi di Sole in pdf.

Pianeti, il Sole e il pianeta Terra nel Sistema Solare e l'Universo

Nei tempi più remoti si credeva che la Terra e il Cielo fossero una grande pianura sovrastata da uno scenario a forma di volta. Era uno scenario che appariva mobile: sembrava trascinare con sé i lumi degli astri, facendoli prima apparire suii'orizzonte e poi tramontare.
Alcuni di tali astri apparivano fissi; altri, invece, e tra questi i piu luminosi, si muovevano, percorrendo, con una certa regolarità, la volta celeste lungo traiettorie semplici.

Questi astri mobili vennero chiamati "pianeti"; gli scienziati dell'antichità discussero a lungo per stabilire quale potesse essere la loro disposizione nella volta celeste e rispetto al pianeta Terra.
In un primo tempo, si ritenne che pianeti, Sole e Luna ruotassero tutti indistintamente attorno al pianeta Terra, ma, già duemila anni orsono, alcuni scienziati greci di Alessandria d'Egitto, tra i quali Eratostene, avevano invece compreso che erano il pianeta Terra e gli altri pianeti a muoversi attorno al Sole, descrivendo orbite pressappoco circolari.
Durante il Medioevo, gli scritti di questi pensatori vennero trascurati e la cultura europea si trovò, all'alba del Rinascimento, a dover riscoprire il sistema eliocentrico, cioè la teoria che vede il Sole al centro del Sistema Solare.

Fu Copernico, nel 1515, a riproporne il concetto, e Galileo Galilei lo sostenne con ferree argomentazioni, ma furono le osservazioni effettuate col telescopio a confermare la validità dell'ipotesi.
Alla fine del XVII secolo, Isaac Newton poté proporre la teoria meccanica del moto degli astri e i metodi matematici per calcolarlo.
Questa nuova conquista teorica, assieme all'introduzione del telescopio, fece convergere l'attenzione sul Sistema Solare: vennero così scoperti nuovi pianeti e innumerevoli satelliti: il pianeta Urano fu identificato nel 1781, il pianeta Nettuno nel 1841, il pianeta Plutone nel 1930.

All'inizio dell'Ottocento, vennero scoperti i primi asteroidi, e oggi ne sono noti migliaia. Sempre alla fine dell'Ottocento, si iniziò lo studio sistematico dei pianeti; più tardi si poté descrivere attraverso quali fenomeni essi si fossero formati, a partire da una nebulosa di gas idrogeno e polveri sparpagliati nello spazio.
Oggi si sa che questa materia diffusa non era piu la stessa formatasi all'inizio della vita dell'Universo; infatti, con essa si erano già formate quelle stelle che poi, esplodendo, avevano disseminato tutt'intorno parte della loro materia trasformata dalle reazioni nucleari.
Gli elementi che costituiscono il pianeta Terra sono dunque, in parte, figli della materia primordiale e, in parte, di quella riciclata dalle stelle che vi sono prima nate e poi morte.

La formazione del pianeta Terra, del Sole e del Sistema Solare sono contemporanee; risalgono a circa cinque miliardi di anni fa, e sono avvenute dopo quasi quindici miliardi di anni dall'origine dell'Universo.
In quest'ultimo secolo gli astronomi hanno rivolto il loro interesse alle stelle e all'Universo lontano.
Con il 1957, anno di nascita dell'astronautica, il pianeta Terra è divenuta la base per il lancio di sonde spaziali e satelliti artificiali, con i quali si è esplorato il Sistema Solare avvicinando i pianeti e talvolta addirittura depositando, sulla superficie dei pianeti, strumenti di ricerca e telecamere, fino a quella indimenticabile sera del 21 luglio 1969, quando il primo uomo mise piede sul nostro satellite, la Luna.

Mappa del sito www.pianeti.info in xml, html, txt
Scarica il documento sui pianeti in pdf